Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso comporta l'accettazione dei cookie.

CENTRO STUDI VALLE IMAGNA

Sei qui: Home Libri Preti tra i migranti

 

Preti tra i migranti

Email
Esperienze pastorali della Chiesa di Bergamo nelle Missioni Cattoliche Italiane d'Europa
Descrizione

Il secondo volume Preti tra i migranti completa la ricerca effettuata per ricostruire il ruolo svolto dalla Chiesa di Bergamo nell’ambito delle Missioni Cattoliche Italiane in Europa. Attraverso testimonianze dirette ci viene restituito il patrimonio prezioso delle esperienze vissute in emigrazione da sacerdoti cresciuti in un particolare contesto culturale e religioso d’Oltralpe, la maggior parte dei quali tuttora in servizio. Federico Andreoletti, Franco Besenzoni, Luigi Betelli, Giovanni Battista Bettoni, Pierluigi Carrara, Vittorio Consonni, Gianfranco Falgari, Lorenzo Frosio, Flavio Gritti, Pietro Guerini, Domenico Locatelli, Egidio Todeschini e Luigi Usubelli hanno ricoperto in diversi Paesi europei un compito determinante sul piano del sostegno spirituale e materiale del popolo migrante, in funzione del suo inserimento in realtà diverse e complesse. I missionari sono chiamati oggi a costruire nuovi progetti pastorali, soprattutto all’esterno degli spazi consueti, per dare concretezza a forme di “comunione di comunità”, che rappresentano una delle grandi sfide attuali della Chiesa universale e multiculturale. Ci vengono offerti percorsi umani che conducono ancora migliaia di persone “oltre i confini”, alla ricerca di un mondo migliore. L’inquadramento sociale e culturale, inoltre, aiuta a capire l’evoluzione storica del fenomeno migratorio, nel quale la Chiesa è chiamata a svolgere un’importante funzione. Anche attraverso le Missioni Cattoliche.

Luogo di edizione: Sant'Omobono Terme
Pagine: 640
Anno di edizione: 2014
Autore: Antonio Carminati, Mirella Roncelli