Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso comporta l'accettazione dei cookie.

CENTRO STUDI VALLE IMAGNA

Sei qui: Home Collane Scienze, arti e culture Dodici esseri fantastici che ho incontrato

 

Dodici esseri fantastici che ho incontrato

Email
Racconti tra la mitologia e la realtà
Contributo: 10,00 €
Descrizione

Qualche tempo fa, l’amico orafo Stefano Alinari mi aveva chiesto qualche riferimento originale per una sua collezione di nuovi gioielli da mostrare al pubblico in una serie di esposizioni che si sarebbero realizzate in Italia e all’estero. In verità, questi avrebbero dovuto servire per sottolineare la sua incredibile capacità di essere audacemente moderno restando al tempo stesso ancorato alla più fulgida tradizione orafa toscana. Ho subito pensato alle figure mitologiche che mi avevano fatto riflettere e fantasticare sin dai tempi della scuola e delle avide letture originate dalle prime curiosità sul nostro passato.

Solo qualche giorno più tardi, però, mentre mi accingevo a scegliere ed elencare gli essere fantastici più suggestivi e adatti ad ispirarlo, al posto di un’arida iconografia déjà vue mi è venuto in mente di raccontare dodici storie, non meno intriganti, di esseri che io stesso… avevo incontrato e conosciuto, nei modi, appunto, in cui li avevo osservati da vicino.

E’ così che ho voluto raccontare dodici incontri speciali che, fra le righe, alludessero anche a stati d’animo originali e complessi e contenessero ciascuno indicazioni materiche e cromatiche quali sarebbero occorse a scatenare la già spigliata immaginazione di Alinari. Essi sarebbero serviti anche per sostenere la sua propensione a ibridare materiali preziosi o rari con altri tecnologici e perfino provocatori quanto lo è la scienza (che ne propone continuamente, giorno dopo giorno): fra questi ricorrono, ad esempio, le ardite ceramiche tecnologiche di ossido di zirconio, non meno radiose e stupefacenti degli smeraldi, delle opali o delle acque marine.

Terminati i racconti e avendoli più volte riletti (con l’intenzione di prendere distanza da essi quasi che li avesse scritti qualcun’altro), le vicende un po’ più forti delle altre e perfino inquietanti che avevo riferite, mi ricordavano insistentemente certe immagini disegnate dall’amico Gianni Bolis con l’inchiostro di china: in realtà, Gianni è un artista insolito, incuriosito dal mistero della morte, dagli aspetti luciferini nascosti nella realtà banale, dai miti atavici che sottendono sabba notturni quali Francisco Goya y Lucientes aveva rappresentato sul finire allucinato della sua parabola artistica.

Ho inviato anche a Gianni i miei dodici racconti perché ero sicuro che, in termini davvero diversi da come li avrebbe letti l’orafo artista, egli avrebbe saputo trarne visioni straordinariamente robuste come occorrono oggi, nel momento della storia così sciapo e conformista quale stiamo vivendo.

Alessandro Ubertazzi

Luogo di edizione: Bergamo
Pagine: 96
Anno di edizione: 2014
Autore: Ubertazzi Alessandro